La Spugna di Fiele

Assorbe e rilascia veleno…

Archive for the ‘speranza’ Category

Una bella sorpresa

leave a comment »

Qualche giorno fa ho scritto al Presidente del Consiglio, attraverso il link Dialogo con il Cittadino presente in home page sul sito internet del Governo. La mia non era una domanda ma una semplice, e ritengo, dovuta, manifestazione di stima, gratitudine e fiducia verso il professor Monti. Non mi aspettavo dunque la risposta. Avevo scritto – chiaramente sotto vera identità -: Grazie Presidente, Le sono profondamente grata per quanto sta facendo per il bene dell’Italia…
Oggi invece, con immenso piacere, ho ricevuto la e-mail di risposta che incollo in coda al post. Leggendola scoprirete che La Spugna è donna, se ancora avevate qualche dubbio, ma soprattutto quanto è radicale il cambiamento di prospettiva di questo Governo verso i Cittadini. E come coloro che lavorano con impegno e serietà, trovino sempre il tempo da dedicare a chiunque ne richieda, anche quando sembrerebbe superfluo.

Cara cittadina,
Grazie per averci scritto e per la solidarietà che ha voluto manifestare al Presidente.
Il Governo è particolarmente attento alla voce dei cittadini, all’ascolto delle loro difficoltà e problemi, ma anche alla valutazione delle critiche e suggerimenti che costoro fanno sul suo operato. Ogni opinione è preziosa per un Governo che vede nel bene comune, democratico e partecipato, l’obiettivo da raggiungere.
Per questo motivo abbiamo inaugurato da pochi giorni un nuovo canale di comunicazione con la società civile. La sezione Dialogo con il Cittadino liberamente accessibile dal sito web del Governo contiene documenti, studi, approfondimenti e uno spazio nel quale pubblichiamo le risposte alle domande frequenti dei cittadini. Per accedere alla sezione può visitare il sito ufficiale del Governo oppure usare il link diretto: http://goo.gl/NXiMA.
Nella speranza di risentirla presto, le inviamo cordiali saluti.
Ufficio Stampa e del Portavoce
Questo indirizzo di posta elettronica non è abilitato alla ricezione.
Per rispondere a questa e-mail si prega di utilizzare il modulo presente all’indirizzo ‘http://www.governo.it/scrivia/RedW-eb_Form.htm’ scrivendo nell’oggetto:’Re: Re: Ringraziamenti’

Beer & Cigarettes

leave a comment »


Ioda
per LSdF

Era già tutto previsto.
Pensate all’editorialista che ha coniato il neologismo di PIIGS.
È l’acrostico di Portogallo, Irlanda, Italia, Grecia e Spagna. Ma quanto si sarà divertito nel coniare e indicare con Piigs le nazioni poco virtuose nei confronti del proprio debito pubblico. Vale a dire: Ancora credito? No è come dare perle ai porci! D’effetto! Manca una “C” di rating per il default della Grecia e forse proprio in questi giorni o addirittura in queste ore, si assisterà al suo default pilotato a causa delle assicurazioni che non pagheranno il prestito.
Penso che ormai abbiamo imparato a conoscere la parola rating. È lo strumento di valutazione concernente la potenzialità di restituzione del debito contratto. Le agenzie di rating nel mondo sono 12, di cui 5 negli USA.
Anche l’Italia ha la sua. È la Cerved, che detiene insieme alla Crif tutte le informazioni sugli italiani, i loro database dicono se siamo buoni o cattivi pagatori, se abbiamo capacità restitutiva o no. E la privacy? Se n’è andata a farsi fottere! Ma se la privacy è andata a farsi fottere ci sarà l’Antitrust? L’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato che però si disinteressa totalmente, praticamente, di tutto!
Queste società oltre a conoscere vita morte e miracoli dei nostri crediti/debiti, lavorano per e con le banche, con tutte le banche. Quelle che dovrebbero erogare il denaro ai privati e alle piccole (o micro) e medie imprese. E allora mi sorge un dubbio: non è che ci sia per caso un interesse privato?
Il governo tecnocrate ha proposto di tassare con lo 0,6% sui ricavi le società che hanno un fatturato oltre 2 milioni di euro per potenziare l’antitrust. È come dire: “Centro Commerciale, mi devi lo 0,6% dei ricavi per controllare che non accentri tutti i tuoi negozi in un unico Centro Commerciale”. Piigs, eh! Eh! Eh!
Quanto mi piacerebbe vedere il viso e conoscere il nome di chi ha coniato questo termine. Immaginiamo un attimo: questa persona desidera trascorrere una vacanza a Santorini, Mikonos, Roma, Madrid, Valencia, Porto, Dublino, e via dicendo, e all’ingresso del Paese trova scritto: “persona indesiderata”, con tanto di foto segnaletica: “È LUI CHE HA INVENTATO IL TERMINE PIIGS!”. Eh! Eh!
Editorialisti, ma perché non raccontate la verità! Anche se immoralmente di parte.
Per chiudere, mi vengono in mente altri acronimi: UE, BCE, FMI e anche:
WASP – White Anglo Saxon Protestant, sono quelli che hanno contribuito maggiormente a questa crisi economica mondiale.
NBO – New Business Opportunities. Denaro, denaro a qualsiasi costo anche a costo di tante vite umane.
LCD – Liquid Crystal Display.
Forse è meglio un bel film visto su un 52 pollici e non pensarci per un po’.
SMS – Short Message System, mandare qualche sms, A chi?
JFK – Il mitico Presidente che voleva vedere chiaro.
KFC – Kentucky Fucking Chicken. No! No! quello è Kentucky Fried Chicken!
JLFC – Just later fucking chicken, era un ritornello di un pezzo rap.

Le mie tasse

leave a comment »

Ioda per LSdF

“Se tutti pagano le tasse, le tasse ripagano tutti con i servizi”, questo spot, mi induce a una riflessione: le mie tasse servirebbero a ripagare tutti, cioè a ridistribuire la ricchezza con i servizi?
Ma le mie tasse serviranno anche a comprare 90, qualcuno dice 131, cacciabombardieri, sentite che nome fichissimo ‘Joint Strike Fighter’, che erano già nella finanziaria del 2010, sono stati riproposti nella finanziaria del 2011 e ripresentati di nuovo dal GSN – acronimo di Governo di Salute Nazionale -, per la finanziaria 2012.
I cacciabombardieri non servono a ridistribuire reddito e creare PIL, ma solo ad aiutare un’industria bellica americana nota alle cronache italiane.
Vi ricordate la “Lockheed”?
Ma all’equivalente costo di un cacciabombardiere si potrebbero realizzare:
12.600 posti a sedere pari a 21 treni pendolari;
32.250 borse di studio per universitari meritevoli;
258 scuole pubbliche messe in sicurezza;
17.200 coperture finanziarie per indennità ai disoccupati precari;
14.742 assegni per famiglie con disabili e anziani non autosufficienti
(Massimo Gramellini in Che tempo che fa di Fazio – 25/2/2012, ndr).
E continuo a riflettere: con la ridistribuzione di 129 milioni euro in servizi, che è il costo di 1 cacciabombardiere, si produrrebbe nuovo reddito, la liquidità ricircolerebbe creando nuovo PIL, e pensate allora a quale ricchezza e PIL si produrrebbe ridistribuendo l’equivalente di 90 o 131 cacciabombardieri?
Pensate, circa 11 miliardi di euro!
Oddio, continuo a riflettere, ma quant’è costato questo spot?
Ma è sempre stato pagato con le mie tasse? Perché realizzato dall’Agenzia delle entrate.
E quanto costa ogni volta farlo passare sia alla Tv di Stato che alle Tv commerciali?
Ma sempre con le mie tasse?
Quale è il ritorno in termini monetari all’Agenzia delle entrate?
Ho capito!
SOLO LE MIE TASSE!

Written by laspugnadifiele

29/02/2012 at 08:37