La Spugna di Fiele

Assorbe e rilascia veleno…

Archive for the ‘partiti’ Category

“Pansate” alla sinstra

leave a comment »

S’ntitola “Tipi sinistri. I gironi infernali della casta rossa” – 422 pagg. a quasi 20 euro – il nuovo libro di Giampaolo Pansa edito dalla Rizzoli, in vendita dal 18 aprile in libreria. Lo ha scritto perché, scrive nel prologo pubblicato oggi a pagina 16 de’ Il Sole 24 Ore, «Conoscere meglio la casta rossa ci eviterà speranze infondate, sogni irrealizzabili, certezze basate su poco o nulla. Per costruire un affresco realistico, dopo aver scelto i personaggi da descrivere li ho suddivisi in gironi infernali, sperando che il grande Dante Alighieri voglia perdonarmi». Infatti, si va dagli Invincibili agli Sconfitti, dai Superstiti agli Isterici, dagli Apprendisti agli Indignati, per approdare ai Bolliti, ai Dispersi, ai Rinati e agli Inguaiati. Ed ha scelto di dedicare il libro a personaggi della sinistra perché ne prevede la vittoria alle prossime politiche, in verità aggiunge un forse, però ne è sicuro, perché – continua Pansa – «il pronostico può essere smentito soltanto in un caso. Se la crisi che investe anche l’Italia diventerà sempre più difficile da arginare, sarà inevitabile che destra, sinistra e centro siano costretti ad allearsi. Formando un governo di unità nazionale che tenti di evitare il disatro. Ma questo vorrebbe dire che ci troviamo di fronte a un’esigenza drammatica, da non augurarsi. […] Allora la sinistra tenterà di vincere per la terza volta. […] avremo sotto gli occhi un assalto condotto non da leader nuovi, per il semplice motivo che a sinistra oggi non ne esistono. Bensì da una schiera di capi, vicecapi e capetti che stanno da tempo, spesso da anni, sulla scena politica. con un bagaglio pesante di idee invecchiate con loro, progetti falliti, pregiudizi, vendette da consumare».
Diverse sono state le anticipazioni del nuovo volume sulle pagine dei quotidiani, tra gli Invincibili ha riservato un capitolo a Giorgio Napolitano, uomo meticoloso che ha avuto addirittura due vite, e un assaggio lo fornisce Il Tempo. Mentre Libero ha pubblicato il capitolo dedicato a Eugenio Scalfari, collocato tra i Bolliti. E se qualcuno vorrà maledirlo, Lui ci riderà sopra!
Non pensate di votare la sinistra alle prossime elezioni. Ricordate: per la sinistra solo “pansate”.

Annunci

Svanito il cerchio magico il Carroccio diventò un carretto. Forse!

leave a comment »


Il suo caro papà martedì scorso, al raduno delle scope per la famosa pulizia annunciata da Roberto Maroni, l’indomani dello scandalo #legaladrona, si è scusato con i militanti della Lega Nord (per l’Indipendenza della Padania, ama sottolineare orgoglioso Matteo Salvini) per quanti portano il suo cognome ed hanno infangato il buon nome del partito, “danni sono stati fatti da quelli che portano il mio cognome”, ha detto. Sui è anche rammaricato per l’errore di aver fatto entrare i figli in politica anziché mandarli a studiare all’estero come ha fatto Berlusconi coi suoi. Renzo Bossi (detto “il trota”, proprio per la sua proverbiale bravura a scuola), però non è stato espluso, ha ubbidito al capo (è un figlio educato, nonostante non abbia studiato all’estero!) dimettendosi dal Consiglio regionale lombardo. Lei invece, Rosi la “nera”, (oppure: la badante, la zarina, la terrona, e chi più ne ha più ne metta) non ha voluto lasciare la poltrona di vice presidente del Senato, ed è stata punita con l’espulsione insieme a Belsito. Bah, valli a capire questi padani! Chi vorrebbe restare, è cacciato, anzi sacrificato, chi invece non avrebbe dovuto proprio esserci, è trattenuto. Si vuole dare un segnale forte alla base, e dare spazio al merito ha detto Maroni nel suo discorso insediativo. Ma perché tanta meraviglia? Da parte di tutti, dico, non solo dei militanti. Cosa si aspettavano da gente arrogante, che invece di parlare ha sempre sputato pernacchie e parolacce a tutto spiano. Ma per favore…
Per la verità ciò che dovrebbero spiegarci di tutta la vicenda, è il perché la Lega investiva a Malta e in Tanzania il denaro pubblico dei rimborsi elettorali, poteva invece iniettare un po’ di capitali freschi nell’economia lombardo-veneta, un po’ malconcia da quanto hanno raccontato nella trasmissione di Formigli, oppure investire in immobili come l’altro famoso tesoriere. Mah! Chissà quando ce lo racconteranno.

L’ABC

leave a comment »

IlTwittdiCasini.jpg

Alleluia, Angelino Alfano ha finalmente trovato il tempo per andare al vertice di (non)maggioranza così Pier Ferdinando Casini ha potuto annunciare contento su twitter: “Siamo tutti qui! Nessuna defezione!” con tanto di foto, per la grande gioia di Bersani. Tutti lì certo, e si vede pure come stanno rigorosamente attaccati alla poltrona.

Written by laspugnadifiele

15/03/2012 at 22:18