La Spugna di Fiele

Assorbe e rilascia veleno…

Pensano di tenerci buoni

with one comment

LDS per LSdF

E così continuano a buttarci fumo negli occhi, dopo Cortina, Milano, Roma, Napoli e Sanremo è toccato a Courmayeur.
Ci vogliono incantare, perfino con effetti speciali. Il registro dei cattivi, di quelli che non rilasciano il fatale scontrino fiscale, quelli che sono additati come “i furbetti dello scontrino”. Ahhpperò qualcuno direbbe. E poi diciamocelo quanta tristezza fa la povertà d’utilizzo dei termini. Il giornalista di turno (sobh) ha coniato per ispirazione divina il neologismo ‘furbetti dello scontrino’; e vai tutti ad usarlo fino a inflazionare il termine stesso e sortire l’effetto marmellata (gli strumenti del comunicare di Marshall McLuhan, ndr).
Ma quanto costano alla comunità, cioè all’erario i blitz dell’erario?
Qualche anno fa durante la vacanza estiva solitamente passata al mare, conobbi un capitano della finanza, addetto all’Information Technology che mi confessò anche con molta ilarità: “Ma Lei lo sà che noi abbiamo disposizioni rigorose. Noi possediamo tecnologie di alto livello e potremmo fare oltre 5.000.000 l’anno di controlli incrociati tra movimenti bancari, estratti conto, dichiarazioni di reddito telematiche, acquisti bancomat, acquisti carte di credito e così via. Ma le disposizioni che abbiamo sono precise. Non farne più di 100.000 l’anno”.
“Centomila l’anno?” Ribadii un po’ meravigliato. E il discorso finì lì senza approfondire. Ognuno rimase in silenzio facendo le proprie deduzioni ed elucubrazioni.
Mi ritornano in mente le parole del capitano ogni volta che leggo la notizia dei blitz o vedendoli in tv provo un profondo senso di inadeguatezza, mi sento profondamente frustrato e la domanda che rimane nel vuoto è: ma perché non si fanno i controlli telematici di cui l’erario dispone delle capacità tecnologiche per farlo? Perché non si controllano i conti correnti dei dirigenti pubblici che hanno potere di spesa, decisionali, perché non controllano gli addetti degli uffici erariali del catasto che sono tutti prezzolati fuori dal loro stipendio da quasi tutti i notai, perché non controllano i conti correnti dei dipendenti degli uffici tecnici comunali, dei dirigenti delle soprintendenze, dei piani regolatori? Insomma a tutte le persone che possono decidere se lasciarti operare nel libero mercato oppure no!
La Corte dei conti ha fatto la fotografia della società italiana. L’illegalità ci costa sessanta miliardi l’anno. Ma allora ditemelo, di cosa stiamo parlando?

Annunci

Una Risposta

Subscribe to comments with RSS.

  1. Il risultato è che la Corte dei Conti o la Corte di Giustizia Europea, commina condanne a spese di tutti i cittadini italiani.


Have you something to say about?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: