La Spugna di Fiele

Assorbe e rilascia veleno…

Rasoio o polmone artificiale?

leave a comment »

“Naturalmente durerò e dureremo quanto la vostra fiducia in noi. Se fosse possibile rendere questo concetto di profonda dipendenza del Governo dal Parlamento con espressioni diverse da quella di «staccare la spina», ne sarei grato perché, di nuovo, avremmo dei problemi di identità. Non ci consideriamo un apparecchio elettrico e poi saremmo, forse, incerti se essere un rasoio o un polmone artificiale”.

Così oggi il neopremier Mario Monti, nella sua replica in aula, alla Camera, per rispondere a chi prima di lui ha dovuto soccombere sotto la stessa minaccia. Non poteva che avercela con Silvio Berlusconi, pur non avendolo detto apertamente (non ce n’era bisogno evidentemente, solo le lodi deve fargliele ad personam poiché il rischio di equivocare è grande). Ma era stato proprio il suo predecessore – che ancora sta rosicando per essersi dovuto sradicare dalla poltrona di Palazzo Chigi – a dire ieri ai suoi, a porte chiuse: “stacchiamo la pina quando vogliamo” mentre il nuovo Presidente del Consiglio riceveva la fiducia al Senato.
Così mentre prima era Bossi a ripetere che il Berlusconi IV sarebbe durato fino a quando il suo partito lo avrebbe consentito, ora è Berlusconi a rivendicare questo ruolo. Ma evidentemente casca male, perché avrà ben chiaro che se cade il Governo Monti si andrà tutti a casa, e dalle urne – lui che ha portato l’Italia sull’orlo di un baratro, e costretto il Presidente della Repubblica a lavorare sodo e con maestria certosina ai limiti della Costituzione per mettere in piedi un Governo di salvezza nazionale – non ne uscirebbe certo vincitore. Infatti, la rituale smentita non si è fatta attendere. Però Monti ci ha tenuto lo stesso a puntualizzare. Ed ha fatto benissimo, visto che la pacificazione e il rasserenamento del clima, per quanto invocati, stentano ad arrivare, soprattutto dagli house organ di famiglia del Cavaliere, in particolare Il Foglio che con molta irriverenza oggi lo definisce Preside del Consiglio. L’hanno presa male gli spin doctor di fiducia di Silvio Berlusconi, loro che sabato scorso hanno organizzato una manifestazione, in nome e per il rispetto della democrazia, per dire no al governo dei tecnici. Purtroppo dovranno abituarsi a un nuovo metodo basato innanzitutto sul rispetto delle regole, che significa anche restituire alla dialettica politica quei modi e quei luoghi opportuni, che la politica sguaiata e sboccata cui eravamo ormai assuefatti, avevano snaturato. Un nuovo stile che alla lunga non potrà che ridare a questo Paese la fiducia che esso merita di avere, e non soltanto dai mercati.
Pertanto, cari, Ferrara, Sallusti, Feltri e caro lei, signor Presidente del Pdl, cari tutti, spegnete i microfoni per favore e fateli lavorare.

Annunci

Have you something to say about?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: