La Spugna di Fiele

Assorbe e rilascia veleno…

Asini e paraocchi

leave a comment »

Un’altra tegola è piovuta dritta dritta in testa alla maggioranza: il referendum per abrogare il Porcellum, subito ridefinito un invito degli elettori a spronare il Parlamento a fare una nuova legge elettorale. Sugli asini (il copiright è di Rocco Buttiglione) dell’emiciclo piovono pietre da tutti i fronti. S’infilano una dietro l’altra le difficoltà a portare a termine questa travagliata Legislatura ma loro si ostinano a voler andare avanti con i paraocchi, senza cambiare una virgola, del resto con comprati e alleati la maggioranza tiene, lo dice anche il Professore.
Dunque, stando alle ultime cronache, se l’agenzia di raiting ha declassato l’Italia, è perché influenzata dai retroscena dei quotidiani e pertanto il suo giudizio si discostava dalla realtà. Se il Cardinale ha parlato di “relazioni improprie” e comportamenti “licenziosi”, e di necessità di purificare l’aria non si è riferito certo al Cavaliere, parlava a tutti; lo scarparo è amico di Mastella (dunque non può essere preso sul serio) usa il linguaggio di Beppe Grillo piuttosto che quello di una persona seria (sempre per l’assunto che Grillo è un comico e quindi privo della dignità di impegnarsi in politica), e quindi chissà quali secondi fini lo hanno spinto al pubblico j’accuse. Della Marcegaglia è meglio non parlare che ha i suoi problemi con Marchionne. Il presidente Napolitano dopo uno scatto di orgoglio nazional popolare ha detto che la politica siamo tutti noi e quuindi non bisogna parlarne male. Insomma tutto continua ad andar bene e tutti loro, a destra e a sinistra, vogliono continuare a stare come cozze attaccate agli scogli, per continuare a galleggiare…, pardon a lavorare.
E veniamo al milione e passa firme, raccolte in pochissimo tempo passando molto al di sotto della soglia di attenzione mediatica. Sulla questione, sono tutti d’accordo, è meglio non dare giudizi affrettati e superficiali, qui è bene andar coi piedi di piombo, si tratta del corpo elettorale, e quindi bisogna dargli ascolto. Si sprecano le proposte, da una parte e dall’altra si comincia a starnazzare, chi vuole votare subito appena la Cassazione dichiara ammissibile il referendum, chi vuole mettersi subito a lavoro appena aver approvato almeno in prima lettura le tanto sospirate riforme costituzionali che dovrebbero tagliare i seggi e le province (ma lo faranno?), chi vuole mettersi a discutere insieme all’opposizione per varare una nuova legge. E poi c’è chi come la Bernini denuncia la volontà di voler usare i referendum come una clava contro il Governo e si meraviglia del fatto che lo scoop del Corsera sulla lettera della Bce abbia fatto parlare meno della lettera di Della Valle, fatta pubblicare a pagamento sui principali quotidiani. Ma la meraviglia rimane tutta e soltanto sua, della Bernini, chiaro che a lei, che è Ministro senza portafoglio per le Politiche europee, le sia bruciato, e non poco, l’aver dovuto leggere quella lettera dal quotidiano.

Annunci

Have you something to say about?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: