La Spugna di Fiele

Assorbe e rilascia veleno…

Mala tempora currunt…

leave a comment »

Ho letto ieri l’editoriale di Sartori, sul Corsera. Ogni volta che si occupa della sua materia – invece di lanciare allarmi sulla crescita insostenibile della popolazione planetaria, visto che non mette nel computo le catastrofi naturali, le sciagure umane e nemmeno i progressi della scienza e della tecnica, a che serve spaventarsi? -, è doveroso leggere ciò che scrive perché induce a riflessioni interessanti. Molto interessanti … Ridurre il numero dei parlamentari determinerebbe un ulteriore allontanamento degli elettori dagli eletti, sostiene il Nostro. E su questo punto tutte le lodi e gli altari. Se ridurre i costi della politica significa tagliare la democrazia, è meglio tenerceli tutti i rappresentanti, onorevoli, senatori e senatori a vita! Chissà per quale misteriosa alchimia ogni volta che i politici mettono mano a qualcosa per migliorarla l’intervento si traduce in un do ut des. Non volete i costi? Bene, allora dimezziamo il numero dei deputati. Non volete il contributo di solidarietà? Allora aumentiamo l’Iva… Non è giusto! Più razionalmente, si riducano piuttosto gli assurdi privilegi! Vabbé tanto è tutto fiato sprecato, oramai sappiamo bene che basta una campagna mediatica ben architettata per spostare in un battibaleno l’attenzione da una questione all’altra, pungolare la vena emotiva, e riuscire mantenere perpetuamente inalterato lo status quo.
Tornando all’editoriale “Onorevoli, elezioni e bufale”, Sartori passa poi in rassegna l’argomento referendum abrogativo del porcellum, se ora sono i partiti a scegliere il candidato e non gli elettori, col ritorno del mattarellum le cose non cambieranno granché, poiché in realtà non saranno comunque i cittadini a scegliere ma i candidati a farsi scegliere. Dunque il referendum che vede impegnati Arturo Parisi, Mariotto Segni (e altri) serve a poco. Secondo l’illustre politologo toscano, dunque il ripristino della vecchia legge non risolverebbe il deficit democratico aggravato da Calderoli con la sua legge porcata, è meglio un maggioritario a doppio turno così gli elettori scelgono due volte, e per di più quei tanti somari che al secondo turno si astengono fanno meno danno. Difficile dargli torto. Proprio non si può! Ha più che ragione, il teorico della videocrazia. E allora che si fa? Meglio aspettare che sia il legislatore a occuparsi dell’efficacizzazione della norma atta a trasferire la sovranità dal popolo ai rappresentanti? La materia è davvero troppo delicata, bisogna ragionarci su bene…
Ne è scaturito un forte dubbio, referendum sì/referendum no, grazie al cielo questa mattina ho rispolverato un testo del 2006 di Gianni Ferrara, La Costituzione: dal pensiero politico alla norma giuridica e alla terza pagina ho letto:
“Le costituzioni (ma credo che la cosa possa estendersi anche alla produzione normativa in generale, specialmente di questi tempi!) non discendono, trionfanti e gioiose, dal provvido cielo, munifico di doni cospicui e graziosi per tutti gli esseri umani protesi a riceverli con incrollabile fede e sempiterna devozione. E non sono ne anfore, né urne che raccolgono il distillato della sapienza politica e giuridica profusa ai popoli da lungimiranti filantropi che si elevano dalle masse predicando le virtù civili e prescrivendo percorsi per praticarle. Ogni Costituzione è la risultante specifica del “costituzionalismo” in una fase specifica del suo sviluppo e in una specifica realtà nazionale”.
Gulp! Sì proprio gulp come reagirebbero il ragionier Fantozzi o lo stralunato nipote di zio Paperone. Poi, ho pensato – c’è poco da fidarsi, e sanato ogni dubbio ritorna la vecchia convinzione: intanto firmiamo per il referendum abrogativo del porcellum; quando, e se, verranno tempi migliori verrà il turno del “doppio turno”.

Annunci

Have you something to say about?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: