La Spugna di Fiele

Assorbe e rilascia veleno…

Fiducia? E fiducia sia

leave a comment »

Ieri un’altra caduta in picchiata della credibilità italiana in borsa, lo spread (sui titoli tedeschi) e tornato a salire in maniera incontrollata. Secondo i mercati finanziari internazionali non siamo capaci di ripagare il debito, i nostri titoli di Stato sono carta straccia o quasi.
Ma và? Vuoi vedere che la colpa è di quel vandalo sprovveduto che a colpi di sanpietrini ha danneggiato il nostro patrimonio artistico! Oppure saranno stati i balletti estivi delle anime controverse della maggioranza che ci governa? Evidentemente l’andirivieni sulle misure da adottare e quelle da eliminare dal decreto-legge 13 agosto 2011, n. 138, recante ulteriori misure urgenti per la stabilizzazione finanziaria e per lo sviluppo, meglio noto come manovra di Ferragosto, non è piaciuto per niente ai mercati finanziari, e forse non piace nemmeno agli italiani, visto che oggi sono scesi in piazza a protestare unendosi allo sciopero generale della Cgil.
Invece di fare riunioni e contro riunioni per tessere accordi, togliere e mettere, e in qualche caso addirittura scatenare le ire dei cittadini, facevano meglio a lasciare tutto com’era e godersi gli ultimi raggi di sole in vacanza al mare, ne avrebbero guadagnato in salute, loro (i politici politicanti) e l’economia!
La BCE aveva comprato i titoli di Stato italiani per dare una frenata al crollo, grazie a questa decisione sofferta e incontemplata, stavamo riuscendo a risalire lentamente la china, anche se il pollaio dei frondisti del Pdl era entrato in forte agitazione, il leader leghista sparava a zero insulti su chicchessia, (colleghi ministri, avversari politici e giornalisti), persino l’opposizione illusoriamente s’era messa di buona lena a fare proposte per migliorare il testo del decreto. Tremonti s’era chiuso nella sua villa di Lorenzago intento e attento a non parlare con nessuno, tutto filava liscio, poi ha cominciato a sproloquiare da un consesso all’altro, fino ad ammettere che il testo, essendo stato approntato in soli quattro giorni, non è perfetto e dunque può essere migliorato. Apriti cielo, il presidente Napolitano ha dovuto con urgenza emanare un comunicato, questa volta però il tempo stringe, e dall’Europa, lo stesso governatore in pectore della BCE fa sapere che l’acquisto di titoli non è per sempre. E allora cosa si fa? La solita tiritera, ancora una volta si ricorrerà al voto di fiducia per far passare il testo al Senato, si sa, mostrare il polso fermo aiuta a recuperare credibilità in fretta. Però aleggia la sensazione che si tratti dell’ennesima strategia per prendere tempo e continuare a fare come Penelope, disfacendo alla Camera, il lavoro fatto in fretta e furia. Ma ci cascheranno un’altra volta i mercati?

Annunci

Have you something to say about?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: